La lettura della scheda tecnica di uno smartphone non è molto semplice. Spesso la gente si sofferma sulla frequenza con cui il processore lavora, sul numero di core o sui megapixel della fotocamera ignorando molti altri aspetti importanti.

Partiamo da un presupposto fondamentale: avere un processore potentissimo ma non avere a disposizione sufficiente memoria RAM comporterà delle prestazioni dello smartphone bassissime, rallentamenti e continui blocchi delle applicazioni. Questo perché quando noi utilizziamo il telefono, il sistema operativo carica nella RAM tutti i dati di cui ha bisogno per far funzionare le applicazioni. Se la nostra memoria centrale (RAM) non è abbastanza capiente, il processore, anche se molto potente, non sarà in grado di caricare in memoria tutte i dati necessari andando quindi a pescare nella memoria ROM (la memoria di massa), molto più lenta sia per le sue grandi dimensioni (cercare una pagina in un libro di 15 pagine non è come cercarne una in un libro di 300) sia perché le memorie RAM sono di norma più veloci. Per questo il telefono spesso si blocca sul segno di caricamento oppure i tempi di risposta di un’applicazione sono molto lenti, perché la CPU (il processore) cerca di reperire i dati nella memoria di massa. La memoria RAM serve inoltre a salvare i dati di più applicazioni contemporaneamente consentendoci di lavorare su più app nello stesso momento senza ricominciare da capo ogni volta che passiamo da una all’altra (come se l’avessimo chiusa per intenderci). Anche in questo caso una memoria RAM poco capiente potrebbe sovraccaricarsi andando a rallentare lo smartphone. Ecco perché molti telefoni con un processore di fascia media o addirittura bassa, risultano molto più fluidi di altri, magari non veloci, ma, anche se con qualche secondo in più, assicurano un’esperienza d’uso fluida e piacevole.

Quindi, i telefoni con una memoria RAM abbondante sono da preferire, ma spesso questo non è sufficiente: il SoC (set di processori) di cui il telefono è dotato lavora in simbiosi con la memoria RAM.

Ora mi spiego meglio.

La velocità con cui un processore comunica con la memoria RAM dipende dai canali che questo ha a disposizione per farlo oltre che dalla frequenza di clock. Questo aspetto varia in base all’architettura della CPU e dal produttore del processore stesso. Ad esempio un processore HiSilicon Kirin 970 (top di gamma della Huawei/Honor) è dotato di 2 canali di comunicazione tra processore e memoria mentre un processore Qualcomm Snapdragon 845 è dotato di ben 4 canali di comunicazione. Questo assicura una trasmissione dei dati tra CPU e RAM più veloce e una maggiore efficienza nel completare le operazioni. Inoltre, se per chissà quale motivo la RAM dovesse proprio risultare piena e il processore dovesse interfacciarsi con la memoria di massa lo Snapdragon ha una velocità di trasferimento maggiore rispetto al Kirin (quasi 30GB al secondo contro i quasi 13 del Kirin). La Huwaei ha ovviato a questo “problema” (perché il Kirin 970 è pursempre un ottimo processore) aumentando la RAM disponibile nei suoi dispositivi, come per esempio il P20 Pro, dotato di 6GB di memoria centrale a differenza del Samsung S9 che a parità di prezzo è dotato di “soli” 4GB.

Questo era il confronto tra due processori “top di gamma”, che dimostra come a parità di fascia di prezzo degli smartphone possiamo trovare componenti hardware più prestanti di altre. Altra caratteristica ad esempio è che l’HiSilicon Kirin 970 è in grado di eseguire 18 processi in un colpo solo mentre lo Snapdragon 845 ne può eseguire ben 256, per questo la velocità di esecuzione di più processi nello stesso momento è molto maggiore da parte dell’ultimo arrivato in casa Qualcomm.

Proviamo ora a passare in una fascia di prezzo più bassa.

Confrontiamo un HiSilicon Kirin 659 con un Qualcomm Snapdragon 636. Partiamo dal fatto che il 636 possiede un modulo LTE integrato, motivo per cui uno smartphone di fascia media Huawei/Honor ha una ricezione minore di un fascia media equipaggiato di Snapdragon, inoltre il Kirin non utilizza la tecnologia Big.Little che permette di ottimizzare la distribuzione di potenza dei core in base a ciò che l’utente sta facendo in quel momento aumentando così l’autonomia della batteria e ha un’architettura di costruzione meno recente rispetto allo Snapdragon. Come possiamo notare un’altra volta a parità di fascia di prezzo sono disponibili sul mercato diverse opzioni di acquisto che possono sì avere numeri minori sulla scheda tecnica, ma garantire all’utente prestazioni migliori e durature nel tempo (ricordiamo che i Kirin sono pursempre degli ottimi processori e questi confronti erano puramente dimostrativi, ad esempio uno scontro tra Exynos 8895 e Snapdragon 845 non vedrebbe alcun vincitore in quanto ognuno ha i suoi pro e i suoi contro determinati dal sistema operativo).

In conclusione notiamo come leggere una scheda tecnica non sia sufficiente a valutare un telefono cellulare, soprattutto se questo determinerà un nostro futuro acquisto che alle volte potrebbe rivelarsi molto caro. È quindi bene procedere con calma, valutare se l’hardware del telefono è equilibrato e non di quanta forza bruta dispone ogni singolo componente, in quanto un cellulare lavora utilizzando ogni sua componente e non solo il processore preso singolarmente.

Donazioni

Mantenere un sito ha i suoi costi. Dona un importo a tuo piacimento a partire da 1€ per aiutare lo staff di richMatics ad offrirti contenuti sempre migliori

€1,00

 

Annunci

Scritto da Richard Sulollari

Studente di informatica, 20 anni, fondatore e amministratore di richMatics. Sul sito tratto vari argomenti sulla tecnologia cercando di essere il più chiaro possibile per renderli alla portata di tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.